Gianni Nappa e associazione artperformingfestival Napoli presentano:
art self energy
arti visive e performative
Officine Forte Marghera
primavera 2019
OPEN CALL fino al 15 dicembre
send mail to giovanni.nappa@gmail.com

La mostra si terrà durante il periodo della Biennale di Venezia.
Padiglione della Biennale al Forte Marghera, 3 mostre indipendenti, compresa questa; afflusso turistico di grande livello, una bella occasione per presentare il meglio che c’è in giro.

 

      

     

L’arte è incontro, è una fusione di energie che trovano il fulcro nell’azione del fare, nel momento dell’azione dell’artista, nella visione di un contributo all’umanità, che sappia essere forza di cambiamento per la società. La possibilità di un luogo storico del fare, la “Sezione Officine” . La sezione Officine Forte Marghera si propone con una nuova veste artistica per il territorio, nel suo interno troviamo gli atelier di 5 artisti: Vincenzo Eulisse, Maurizio Bucca, Roberto Cannata, Ivana Galli, Rita Pierangelo.

Un mondo artistico, una vera officina creativa che oltre a questi atelier, offre spazi per workshop, laboratori condivisi, e nel suggestivo e ampio spazio espositivo, la possibilità di organizzare mostre. L’intento è quello di creare un centro d’arte dove ci possa essere interazione e condivisione tra artisti e amanti dell’arte.

Il curatore Gianni Nappa presenta art self energy

A disposizione degli artisti 315 mq.

Pareti, pannelli, spazi conviviali performativi, incontri, workshop.

Incontro con le migliaia di turisti che visitano il Forte Marghera dove esiste pure una foresteria a prezzi accessibili per la sistemazione degli artisti stessi.

Lo spazio è autogestito dagli artisti e la rassegna si configura come avvenimento di rilievo per il mese di gennaio, entrando nel cartellone dello spazio ed inserito con altri progetti di grande rilievo artistico precedenti e successivi.

Il Forte Marghera che ospita un padiglione della Biennale alle spalle dello spazio.

Una scelta curatoriale che selezionerà le forme d’arte che nel solco dell’artperformingfestival sappiano interpretare l’attualità della ricerca e le consolidate strade del figurativo, così come la fotografia e la video arte.

Modalità di partecipazione

La partecipazione per gli artisti prevede la possibilità di due opere a muro della dimensione max di 200×200 cm.  5 metri lineari

Azioni performative in site specific realizzato dell’artista.

Per le foto si accettano progetti di max 4 foto della dimensione di 90×60 cm.

oppure di dimensioni maggiori per le foto 2 opere.

Per le opere dipinte di dimensioni maggiori 1 opera.

Installazioni con spazio disponibile di mq. 3

Per opere video ogni artista dovrà presentare un televisore.

Per le proiezioni sono disponibili spazi adatti.

Sculture corredate di piani di appoggio, dimensioni libere

La collettiva godrà di una serata di vernissage con buffet in data da stabilire.

Comunicazione a cura dello spazio e del curatore.

 

candidature corredate di immagini opere, progetto performativo, entro il 15 dicembre 2017.

La partecipazione sarà definita dopo la selezione da parte del curatore e il versamento della quota.