artperformingfestival presenta

experimental rooms a cura di Gianni Nappa

Palazzo Di Lorenzo, Via Mory 1, Galatina (LE).
24 giugno – 10 luglio 2018
https://www.facebook.com/pages/Palazzo-Di-Lorenzo/814370778623641

La sperimentazione visiva dalla fotografia, alla performance, la body-art, l’assemblage, la video art, l’happening, la land art sono dalla seconda metà del XX secolo una nuova determinazione dell’arte visiva. Nel nuovo scenario delle arti contemporanee le ultime tendenze digitali si stanno introducendo in un nuovo territorio dell’arte; aprendo nuove opportunità di fruizione e di consumo (dalle arti digitali alla fotografia digitale, dalla musica agli audiovisivi) . E’ in continuo superamento dell’arte contemporanea , e dal concettuale alla Op art dal 1965 ad oggi i territori della sperimentazione sono passati dal visuale e percettivo, alle opportunità digitali e di video art, dove l’interazione tra il “soggetto” e l’opera stessa sono in antitesi con l’”oggetto” dell’arte concreta, ma allo stesso tempo sono la successione della memoria critica.

Questa mostra presenta la semantica, che dalla sintassi ne formula un indice raggiungibile attraverso gli strumenti dell’attuale sistema. Quando Joseph Beuys disse: “non sono contro la scienza, ma contro la distinzione tra Arte e Scienza. Ho scritto una partitura in cui affermo che arte è uguale a uomo che è uguale a creatività che è uguale a scienza.” La rivoluzione quindi, di artisti che prendono coscienza della forza dell’arte, intesa appunto come creatività.

Artisti rivoluzionari che nel visivo tracciano l’unione tra scienza e arte. Exerimental rooms è un ipotesi di cammino verso la traccia semiotica e un passo deciso verso il futuro. L’uomo ha la sua possibilità nella libertà creativa, e quindi l’artista è l’artefice della rivoluzione.

Renata Petti e Rino Petrozziello / Franco G. Livera / Iolanda Di Bonaventura / Gianni Colombo / Carmen Carriero / Enrico De Maio / Pantaleo Musarò / Ivana Galli