Associazione Culturale artperformingfestival Napoli

& GlobalStrategies S.rl.

presentano

II edizione 2017

 

(27 giugno – 16 agosto 2017)

mostre 10 luglio- 7 agosto 2017

festival 14 luglio – 2 agosto

/ madre terra/ femminile / mediterraneo/

L’ArtPerformingFestival, alla sua seconda edizione, pone l’accento su alcuni dei temi che, emblematicamente, con sempre maggiore forza caratterizzano i dibattiti culturali e le pratiche artistiche contemporanee: il femminile, la natura, e il Mediterraneo. Il festival si propone come uno spazio per la memoria (del) femminile – migrante, materna, liquida, rivoluzionaria; e per le espressioni ispirate alla madre terra – patrimonio naturale, ecologia, animalità – articolate nella contemporaneità estetica e performativa della regione mediterranea. Il Mediterraneo è qui riconosciuto come il mare materno per eccellenza, luogo critico di infiniti incontri, ospite di molteplici appartenenze, e matrice di nuove possibilità e sfide culturali.

 

 

 

Ideazione e curatela Gianni Nappa

Concept e co-curatela  Celeste Ianniciello (M.A.M., Matriarchivio del Mediterraneo: www.matriarchiviomediterraneo.org)

Co-curatela e organizzazione Ulderico/

sezione artisti (Aiello – Quinto – Valerio Falcone

Ufficio stampa e organizzazione Ester Esposito – GlobalStrategies S.rl.

staff organizzazione: Gianni Nappa –  Ester Esposito –  Maria Chiara Spiezia – Francesco Pellegrino  (grafica e foto) – Leonardo Damo (foto)

 

Artiste/i

Le artiste e gli artisti che animano il festival sono per la maggior parte indipendenti, provenienti dalla regione mediterranea, nazionali e internazionali; e le loro espressioni artistiche raccolgono le più svariate forme e tecniche, spaziando dall’installazione, la performance, il teatro, la pittura, il video, alla musica, alle sperimentazioni elettroniche, al digitale, alla cinematografia. All’insegna della differenza è anche la scelta dei luoghi che ospitano le differenti opere ed eventi, dai siti più rinomati della città di Napoli, come Castel dell’Ovo, a quelli più nascosti ma similmente affascinanti, come La Napoli Sotterranea e Palazzo Monte Manso di Scala; da quelli tradizionali per l’arte, come il Palazzo delle Arti di Napoli, a quelli più inediti, come l’ippodromo, o alternativi, come il Lanificio.

Collettiva a Castel dell’Ovo

 

Performance

Palazzo Manso di Scala Artestesa c/o studio arte Ulderico e Oni Wong e in collaborazione con Artestesa

 

Palazzo Caracciolo – via Carbonara

Ulderico &  Gabriella Grossi

Ippodromo di Agnano

Body Painting Morena Rossi

La Napoli Sotterranea – (vico S.Anna di Palazzo e via Chiaia)

Performance di Salvatore Donatiello – Paola Daniele – Giovanna Lacedra – Giovanna D’Amico

AvaNposto Numero Zero – via sedile di Porto, 55

performance “Ultima fila contemporanea”

 

Spazio Wespace in vico Vasto a Chiaja, 52/53

 Tania Merenda & Tonia Erbino

bipersonale pittura  dal 9 luglio al 2 agosto 2017

 

BRAU Biblioteca di Ricerca di Area Umanistica

Complesso di S.Antoniello a Port’Alba

performance 21 luglio ore 19,30

Salvatore Donatiello

 

Mostra dello scultore Mariano Goglia

le pietre e legni mediterranei

                                       

 sezione Video arte

Proiezioni

PAN sala proiezioni concessa dal Comune di Napoli

sezione Video art (sperimentazioni e performance)

artisti

Francesca Lolli (Italia)/Federica Amichetti (Italia)/Giovanna D’Amico (Italia)/ Mandra Stella Cerrone (Italia)/re:merda (Italia)/Francesca Fini (Italia)/  Caterina Squillaciotti (Italia)/Larissa Sansour (Palestina/USA) – 3 film 19/20/21/ Giulia Giannola (Italia/Germania)/Mauro Rescigno (Italia)/Matilde De Feo (Italia)/  Pasquale Cassandro (Italia)/Ulderico (Italia)/Paola Daniele (Italia-Francia) / Gio Lacedra/ Manuela Maroli (Italia), Lucio Lo Gatto e Giuseppe Zevola (Italia), Carron Little (USA),  Lello Masucci (Italia), Federica Amichetti (Italia)

 

 

 

 

 

 MOSTRA Castel dell’Ovo

a cura di Gianni Nappa in collaborazione

con  Valerio Falcone e Ulderico

mostre collaterali a cura di Gianni Nappa e Ulderico

 

II edizione

Tema

 femminile – madre terra – mediterraneo

 

ARTISTI IN MOSTRA

a cura di Gianni Nappa

scelte in collaborazione con Valerio Falcone, Ulderico, Celeste Ianniciello e Sergio Curtacci

segnalazione artisti Miroslava Hájek

 

Laura Niola (Italia) 1 installazione (madre terra) 1 piano Cortigiane lato destro

Nicca Iovinella (Italia) 1 stanza ingresso (madre terra) site specific 2 piano

Giuseppe Lucio Labriola DDT ART (Italia) 4 sculture (contaminazione) 1 site specific

Pantaleo Musarò – stanze site specific 2 piano

Gianluca Carbone – stanze site specific 2 piano

Pasquale Manzo (Italia) (i love Napoli) accoglienza, scalea

Oni Wong (Italia)  (femminile) 1 piano

Francesca Di Martino (Italia) (femminile) 1 piano

Barbara De Giorgio(Italia)  (femminile) 1 piano

 Vania Elettra Tam (Italia) (femminile) 1 piano

Loredana Galante (Italia) (femminile) 1 piano

Beatrice Feo Filangeri (Italia) (femminile) 1 piano

Fabio Abbreccia Italia) (femminile) 1 piano

Mariarita Renatti (Italia) (femminile) 1 piano

Giacarlo Marcali (Italia) Installazione (femminile) 1 piano

Rosalba Conte (Italia, Napoli)  (femminile) 1 piano

Fiamma Zagara (Italia)  (madre terra)   1 piano

Laloba (Renata Petti e Anna Crescenzi)   (Italia, Napoli) (Femminile) 1 piano

Sergio Balsamo (Italia)  (femminile) 1 piano

Alessandro Graziani (Italia)  (femminile) 1 piano

Vittoria Salabelle (Italia)  (femminile) 1 piano

Stamira D’Amico (Italia)  (femminile) 1 piano

Meri Tancredi (Italia) (femminile) 2 piano

Fabio Cremonese (Italia- Germania)  (madre terra) 2 piano

Sonia Giambrone (Italia) (madre terra) 2 piano

Alessandro Chetta (Italia)  (Madre terra) 2 piano

Emiliano Aiello (Italia) 2 opere (Madre terra) 2 piano

Marina Semmai (Italia) (Mediterraneo) 2 piano

Ulderico (Italia)  (mediterraneo) 2 piano

Maria Rita De Giorgio (Italia) (Mediterraneo) 2 piano

Lisa Weber (Svizzera – Italia) 1 installazione (Madre Terra)

Alessandro Papari (Italia)  (Madre Terra) 2 piano

Jana Kasalova – (Rep. Ceca)  (madre terra) 2 piano

Gino Quinto (Italia)  (madre terra) 2 piano

Raffaele Miscione (Italia)  (madre terra) 2 piano

Francecso Manes (Italia)  (madre terra) 2 piano

Giò Di Sera ( Italia – Germania) (mediterraneo) 2 piano

Oring Art Studio (Italia) – installazione light box (Mediterraneo) 2 piano

Flavio Sciolé (Italia) 2 piano

Ginny Sykes (U.S.A.) (Madre terra) 2 piano

re:merda (mediterraneo) 2 piano

Davide Pisapia “alter ego” (madre terra) (Italia) 2 piano

 

Mostre collaterali

Mariano Goglia (Italia) 5 opere (mostra BRAU) (madre terra)

Tonia Erbino (Italia) 13 opere (mostra Wespace) (femminile)

Tania Merenda (Italia) 13 opere (mostra Wespace) (femminile)

Vin Moxedano & Sasi Menale (mostra H2Note) (Madre terra e Mediterraneo)

Cristina Cianci (Italia) (Madre terra) Avamposto numero Zero

Performers edizione 2017

Bibiana La Rovere

Cristina Messere

Gabriella Grossi

Ginny Sykes – Luigi Montefoschi  –

Giò Di Sera

Giovanna D’amico

Gió Lacedra

Jana Kasalova

Giuseppe Lucio Labriola DDTART

Massimiliano Mirabella

Monica Marioni

Morena Rossi

Paola Daniele

박경화 Park Kyeong Hwa

Gim Gwang Cheol

Salvatore Cantalupo

Salvatore Donatiello

Salvatore Ianniello Ultima Fila Contemporanea

Stamira D’Amico

Teresa Mangiacapra

Ulderico

 

ARTISTI presentazione

 

Jana Kasalova – Praga – installazioni e opere a muro performance

Born 1974 in Turnov (Czech Republic)

Lives and works in Prague

 Studies:

1992-99 M.F.A. in painting at the Faculty of Fine Arts, Polytechnic University in Brno (prof. Jirí Načeradský)

1996 Academy of Arts, Architecture and Design, Prague

1997 Winchester School of Art, University of Southampton, UK (prof. Vanessa Jackson)

2000-02 PhD studies at the Faculty of Fine Arts in Cuenca, University of Castilla-La Mancha and Complutense University Madrid, Spain (Fine Arts and Art teraphy)

2010 PhD degree obtained at the University of Castilla-La Mancha, Spain

One person exhibitions:

1998 Galerie M, Jihlava

1999 Galería Jamete, Cuenca, Spain

1999 Galerie U prstenu, Prague

2001 Antitipation Stories, Galería La Caja China, Sevilla, Spain

2002 Antitipation Stories, Galerie mladých, Brno

2004 CzechCulture Centre, Warsaw, Poland

2004 Galerie Ruth Maier, Vienna, Austria

2005 Galerie My, Jablonec nad Nisou

2006 Siesta Animal, Galerie NoD, Prague

2006 Galerie Doubner, Prague

2007 Tabulae Terrae, Galeria Utopia Parkway, Madrid, Spain

2008 Like You, Galerie Caesar, Olomouc

2011 Hic Sunt Leones, CzechCulture Centre, Vienna, Austria

2012 State, Školská 28: Comunication Space, Prague

2012 Wolfsgrub / Vlčí Jámy, Tschechischen Zentrum, München, Germany, G

2015 Než zmizím kdesi v ulicích, Muzeum umění – Museum of Modern Art Olomouc

2015 God alone knows where I usually hide, Vitrína Deniska, Olomouc

2016 Odjinud/From Elsewhere, The Regional Art Gallery, Liberec

2016 Nedostupná blízkost, Galerie NF, Ústí nad Labem

2016 A Good Adress, Galerie Ferdinanda Baumanna Praha

Two person exhibitions:

2007 Galerie ARS, Brno, with Tomáš Medek

2011 Galleria Nicoletta Rusconi, Milan, Italy, with Jan Šerých

2012 A Centimeter a Day, CzechCulture Centre, Prague, with Lena Knilli

Group exhibitions: (selected)

1992 Design Centrum, Brno

1996 Nová jména, Galerie Aspekt, Brno

1998 Projecti, Facultad de Bellas Artes, Cuenca, Spain

1998 Galería Jamete, Cuenca, Spain

1999 Galerie Sýpka, Vlkov u Tišnova

1999 Once Operaciones, Galería Buades, Madrid, Spain

2001 Situaciones, Fundación Antonio Pérez, Cuenca, Spain

2002 Espai d´Art ACEA´S, Barcelona, Spain

2002 Galería Victoria Higaldo, Madrid, Spain

2003 Peace Show, Kentler International Drawing Center, New York, USA

2003 Symposium, Raabs/Thaya, Austria

2004 Die TschechINNen kommen, Neubau, Vienna, Austria

2005-06 Art Safari, Sculptor Studio Bubec, Prague

2006 Krásný nový svět (When dreams come true), Galerie U Dobrého pastýře, Brno

2008 INtroCITY, Topičův salon, Prague

2011 MiArt, Galleria Nicoletta Rusconi, Milan, Italy

2012 MY PLACE – Pobyt v prostoru intertextu, Galerie Trafačka, Prague

2013 Where is My Home?, DOX Centre for Contemporary Art, Prague

2014 Banzai, Mistře, Galerie města Blanska

2014 Ptolemy’s children, NTK National Library of Technology, Prague

2015 Project AfterBirth, White Moose Gallery, Exeter, U.K.

2016 Brood Film Fest, Exeter Phoenix, Exeter U.K.

Awards:

1999 Painting Award from the Faculty of Fine Arts, Polytechnic University, Brno

2002 Royal Talens Painting Award, Barcelona, Spain

Scholarships:

1997 Open Society Fund, Prague

1999 Hlávka’s Foundation, Prague

1999-00 Dagmar and Václav Havel Foundation VIZE 97, Prague

2001-03 Agencia Española de Cooperación Internacional, Madrid, Spain

Residencies:

 

1999 Manhattan Graphics Center, New York, USA (workshop)

2009 Egon Schiele Art Centrum, Český Krumlov

2013 Egon Schiele Art Centrum, Český Krumlov

Links:

Galerie JAROSLAV KRBUSEK, Prague, CZ

Galería UTOPIA PARKWAY, Madrid, Spain

Galleria NICOLETTA RUSCONI, Milano, Italy

 

Gino Quinto

Raffaele Miscione

Giuseppe Lucio Labriola DDT ART

Lucio DDT ART

Stanza site specific

Giuseppe Labriola known as Lucio Labriola DDT Art was born in Naples in 1971 where he lives and artistically works nowadays. In 1995 he earned an art applied diploma at the Art Institute Filippo Palizzi in Naples. In 2001 he graduated with a degree in “ Visual arts and disciplines for the exhibition section Decoration” at Fine Arts Academy in Naples. In 2005 he earned the Second Level Specialization in Art and Image at the Faculty of Architecture Luigi Vanvitelli in Aversa. In 2007 he earned the Second Level specialization in “ Visual arts and disciplines for the exhibition section Painting” at Fine Arts Academy in Naples. In 2005 he started his career path as an Art and Image teacher in the public lower secondary school.

Exhibitions

2016 – Hamaki – Ho 89° edition Pitti Uomo – Firenze

2016 – Levania, Poetry magazin, Iuppiter Edition, Museum Archaeological, Naples

2015 – Exit strategy, La.Vi., Roma

2015 – Spazio Corrosivo, Caserta

2014 – Excite, Unusual Art Gallery, Caserta

2013 – 7 Progect, Monumental Complex San Severo al Pendino, Naples

2013 – Start Cartography of this, Mediateca Arte Eventi, Cava dei Tirreni

2013 – Comics “In form of art gallerye Lucio Labriola DDT ART”, Mostra d’oltremare, Naples

2012 – Caos, In form of art gallery, Naples

2012 – Atomic flash de luxe, Dante & Descartes, Naples

2011 – Makkeda “Performance”, Akneos Gallery, Mostra d’oltremare, Naples

2010 – Museum Archaeological, Naples

2009 – Vital Fire, Museum MAV, Herculaneum

2008 – Prize Razzano Museum of Benevento

2007 – Collective Permanent, Museum of Ponza

   

Maria Rita De Giorgio (Roma) materiali di recupero/ sculture installazioni

Nasco a Roma dove frequento l’Accademia di Belle Arti, corso di Scenografia. Appena diplomata, mi introduco negli ambienti artistici romani partecipando a numerose collettive di pittura e lavorando per il Teatro. Nell’81, durante il Cantiere dell’Arte di Montepulciano, ho la fortuna di frequentare un laboratorio sull’espressività corporea tenuto da Marcel Marceau, tecniche che utilizzerò per i seminari di aggiornamento per le insegnanti dove unisco arte figurativa e corporea, animazione e drammatizzazione. Realizzo alcune scenografie al Teatro del Prado di Roma, regia di G.Rossi Borghesano. A Verona dal 82 all’86 insegno Scenografia e Storia del Teatro presso l’Accademia di Belle Arti “Cignaroli. Attratta dalle tecniche del restauro della tela antica, frequento alcune botteghe di Roma per apprenderne i segreti e imparo con diligenza le basi di preparazione, tanto che, in seguito, ogni tela sarà da me preparata secondo queste antiche tradizioni. Negli anni 90, inizia una collaborazione con la regista Paola Anzellotti per la quale realizzerò varie scenografie. Dal 2000 al 2007, mi trasferisco a Tripoli (Libia), insegno Arts Plastiques nella Scuola Francese. Tripoli mi piace ed è l’inizio di una stagione ricca e intensa, il mondo arabo e la numerose comunità africane presenti influenzano la mia arte. Nel 2002, la mia prima personale “Africa in Vita”, sarà accolta con una certa curiosità e molto interesse nell’ex Consolato Francese. Nel 2004 il Museo Nazionale di Tripoli mi ospita con “Segni e Tracce”. Poi a Malta, nel basamento del Museo della Cattedrale di Mdina, propongo un tema dedicato alla donna “La storia è sommessamente Donna”. Nel 2006 partecipo alla Prima Biennale Internazionale di Tripoli organizzata dall’Istituto Culturale Francese e dal Ministero della Cultura Libica. A Roma espongo alla galleria “il Canovaccio”, con i “Segni del Tempo”, poi, nel loggiato superiore di S. Ivo alla Sapienza Archivio di Stato presento “Trash Totem”. Lascio l’insegnamento e il teatro per concentrare la mia ricerca artistica sulla produzione di opere di difficile catalogazione, sempre piu’ in bilico tra la pittura e scultura, (pitto-sculture) attraverso le quali sintetizzo la molteplicità delle influenze culturali da me conosciute e assimilate. Per carattere e per indole, mi rifiuto di limitare la mia creatività ad uno stile e ad una precisa forma o corrente artistica. Il mio lavoro d’artista vuole poter spaziare in tutte le direzioni, senza condizionamenti e senza piegarsi alle leggi del mercato. Mi muovo utilizzando un linguaggio contemporaneo e, mio intento, è quello di toccare temi attuali, scuotere le coscienze e indurre le menti alla riflessione. La creatività e l’immaginazione deve essere libera e senza frontiere. Sono figlia del mio tempo, un tempo fatto di miserie e di ingiustizie, degrado sociale, culturale e ambientale. Una decadenza universale forse senza ritorno. Di questo sono cosciente e di questo vorrei parlare. Come una piccola fiamma di speranza che ancora brilla nell’universo, vivo nella speranza di un risveglio cosciente e consapevole dell’umanità dove la parte migliore di se stessi tenga a bada gli istinti della barbarie, della violenza, dell’odio e dell’intolleranza che governano e dominano il nostro tempo.

 

 

Oni Wong – Napoli –  installazione Sala loggiato

Artista proveniente dal movimento Punk-underground di Napoli, alla cui espressione contestataria mescola quella provocatoria e sovversiva dell’estetica femminista. La sua attività artistica, incentrata su installazioni, performances, scultura, pittura, fotografia, ha inizio, in modo autonomo e indipendente, negli anni Ottanta, durante i quali l’artista prende parte a importanti manifestazioni e iniziative sociali alternative, quali la nascita del Tienamment, come spazio autogestito di cultura e arte. La sperimentazione artistica di Oni Wong è intimamente legata all’idea organica del vivente e della propria identità, sia personale che culturale e artistica, come flusso continuo di disfacimento e trasformazione. Indicativa è la pratica tipica dell’artista di cambiare spesso nome, da Titania, Zizzania, Fosca, a Ognissanti, e attualmente Oni Wong, coincidenti ciascuno con una specifica fase artistica. Numerose sono le collaborazioni con laboratori artistici sperimentali a Napoli, tra le quali quella con Studio Aperto Multimediale, Laboratorio 3c, Dissociazione Culturale, Cielo celeste Emporio Spirituale; con collettivi d’arte e azione, quali Eretici Sfrattati, Gruppo Area, Sex and Violence; e con il gruppo cyber-Punk Contropotere. Tra le esperienze internazionali, centrale è la partecipazione alla rassegna d’arte multiculturale “Berlinapoli”.

Laura Niola – Napoli  – installazione

Nata: 1970, Aversa (Ce); vive e lavora: Giugliano in Campania (Na).

1993/94: Diploma in scenografia, alla Reale Accademia di Belle Arti di Napoli; tesi in “la follia del Don Chisciotte.” Voto: 110/110

1999: Docente di scenografia presso il comune di Acerno-Salerno; fondo europeo; 2001: Scene e Costumi per il cortometraggio “Accadde la notte di Halloween”, regia Maria Pia Cerulo.                          È presente nel volume di:                                                                                                                                     Rosario Pinto “Le arti figurative al femminili nel…” – Ediz.Ist.Grafico Italiano                                          Marco Di Mauro, “In viaggio. La Campania” – Paparo Edizioni

Domenico Caiazza, “Terra Laboris Felix Terra” Atti delle prime seconde e terze giornate Celestiane in tempo di lavoro – Quaderni Campano – Sannitici X                                                                         Domenico Caiazza, “Il segreto di Celestino V” – Ikona edizioni

L’installazione “Domenica ore 15.00” è presente in una stazione della metropolitana di Napoli, acquisita da MetroCampaniaNordEst.

MOSTRE

2012: ISI Art Napoli                                                                                                                                                       2010: Land Art in Eco Sostenibilità a Castel Sant’ Elmo, Napoli                                                                                 V edizione Land Art, a cura di Davide Carnevale; Foresta Regionale di Cuma. Opera “Rinascite”      Sulle tracce di Luca Giordano, a cura di Marco Di Mauro; San Giorgio a Cremano. Opera “Di madre in figlia”                                                                                                                                                                          XV edizione Premio Troisi, itin-erario-d’arte a cura di Peppe Pappa, direzione artistica Maurizio Costanzo. San Giorgio a Cremano                                                                                                                                             Museo dell’Osservatorio Vesuviano, “Al centro dei vulcani”, Ass. Archeoclub, Marenostrum, Astofili Napoletani, Ist.Naz. di Geofisica e Vulcanologia. Ercolano                                                                                           Pietramelararte, chiesa dell’Annunziata, a cura Nunzio Della Torre.

Pietramelara Wannabee Prize Gallery, International Art Contest, opera: “Rinascite”. Milano 7ª Biennale Internazionale di scultura, Premio Umberto Mastoianni, opera “La Creazione e l’Ammonizione”. Regione Piemonte   2009: IV Biennale Don Primo Mazzolari, cura Martina Corgnati; opera “Mimetizzazione”. Città Bozzolo                                                                                                                                                                                 Cortili dell’Arte, cura ArtexArte; titolo opera: “Alter Ego”. Villaricca – Napoli                                           August Art Gallery; a cura di Giacomo Picca. Titolo opera: “Girotondo”. Londra                                      Museo Emilio Greco, Madphotodonna, cura di Silvia Sfrecola Romani e Fabio D’Achille; opera: “Nemesi 1”. Sabaudia                                                                                                                                               2008: La Casa del Critico, cura Silvia Sfrecola Romani. Titolo opera: “Nemesi 2-3”. Roma                               Photovirus , cura Silvia Sfrecola Romani, opera : “Nemesi 2-3”. Grosseto                                         Fiera Internazionale, Ex Carceri; cura Mauro Cossu; opera: “Girotondo”, foto, video ed installazione. Cagliari                                                                                                                                                    I cortili dell’arte; cura ArtexArte, opera: “Girotondo”, foto, video ed installazione. Villaricca-Napoli 2007: Pinacoteca Comunale di Gaeta; cura Rosario Pinto “in Sale di poesia” opera: “Girotondo in versi”.                                                                                                                                                                             Città del libro, nella “Memoria dei luoghi”. Installazioni e Design, Giugliano in Campania                              Pinacoteca Comunale di Fiuggi. Rassegna “Emozioni delle forme”.                                                                2006: Ipogeo dell’Annunziata; Direzione Obbligatoria, opera: “Maternità”. Napoli                               Settima edizione Beato Gaetano Errico, opera: “Domenica ore 15:00”. Secondigliano-Napoli         2005: Personale a cura di Adriana De Manes, opera: “Domenica ore: 15.00”. Bagnoli-Napoli patrocinio Comune e Provincia                                                                                                                        2003: Allestimento della mostra “Any suggestions e gli antichi arsenali di Amalfi”; cura di Adriana De Manes, Aurora Spinosa, Carmine Piro.

 

Barbara De Giorgio – Napoli (Italia)

Pittrice e illustratrice napoletana, il suo linguaggio artistico muove da esperienze di bottega in cui studia le tecniche della pittura napoletana ottocentesca e si sviluppa particolarmente in seguito durante gli anni accademici dove consegue la specializzazione in incisione calcografica e grafica  d’ arte presso l’ Accademia di Belle Arti di Napoli. Oggi i suoi lavori fortemente influenzati dal linguaggio pop surrealista partecipano a collettive fra Roma e Napoli .

 

Mariarita Renatti

Pur iniziando il proprio itinerario artistico con la tecnica ad olio e l’uso dei colori, si indirizza in seguito verso la monocromia, tramite l’utilizzo del disegno con una semplice penna nera o l’incisione a puntasecca. Il risultato visibile su carta o sulla tela è di estrema raffinatezza e semplicità ma si affianca alla grandiosità ed al portento delle figure rappresentate.

La resa minuziosa dei particolari anatomici ed il realismo marcato derivano dall’utilizzo di fotografie, dalle quali vengono estratte le immagini, che sono poi rielaborate e ricomposte. La plasticità e la concretezza tangibile dei corpi è visibilmente derivata anche dalla scultura, disciplina che MariaRita pratica parallelamente.

L’atmosfera cupa e silenziosa proviene direttamente dall’interiorità dell’artista, si inoltra nella sfera degli affetti personali e dei ricordi. Il soggetto costante delle opere è la figura umana, in particolare quella femminile, negli aspetti di maternità come di sensualità e fertilità creatrice.

I corpi delle donne, i particolari come le mani e i piedi sono emblema della tradizione del lavoro femminile, quello manuale che viene trasmesso, e che è frutto di sacrificio per la propria famiglia.

E’ attraverso questi corpi che passa la storia di diverse generazioni, e che con fatica si perpetua, e il senso di questa trasmissione ideale viene sublimata in un’atmosfera onirica ma sensoriale, concreta e lucida.

Il suo è un linguaggio diretto, che mira a giungere verso lo spettatore senza alcun filtro, rendendosi quindi talvolta crudo e disinibito. La ricchezza e precisione anatomica si sposa alla disarmante semplicità del tratto a penna e del cromatismo essenziale. Un elemento invece che arricchisce la figurazione è l’uso drammatico della luce, che esaspera l’effetto teatrale e tende a generare contrasto.

Le figure escono dal fondo nero come in una cornice che racchiude la storia, e la luce nel suo farsi direzionale e vibrante interpreta in senso moderno la memoria caravaggesca.

Mariarita disegna da sempre e ama ritrovarsi nella solitudine del lavoro che richiede molte ore, per riflettere e parlare di sé attraverso il tratto prodigioso della penna Bic. Essa regala un effetto prezioso di monocromatismo, ma è per l’artista importante perché impone delle scelte precise, coraggiose, personali. Non permette di tornare indietro: in questo il disegno è un antidoto all’insicurezza.

re:merda

La giovane artista napoletana, nota con lo pseudonimo di Re: Merda, intraprende lo studio di Arti Visive e Discipline dello Spettacolo all’Accademia di Belle Arti di Napoli. Il nuo nome d’arte, Re: Merda, rappresenta un reply ad un’ e-mail che ha come oggetto Merda ed è un’interfaccia tra la persona e l’artista. Nel 2011 diventa socia-fondatrice dell’Associazione Sarajevo Supermarket, che si batte per la promozione della creatività e delle arti in territori degradati. L’artista affronta temi quali l’organico e l’artificiale, la comunicazione e il controllo, spaziando in media diversi, tra cui sculture, installazioni, video ed elaborazioni digitali.

 

Semmai Marina (Italia, Napoli)

Diplomata all’Accademia di Belle Arti di Napoli, fa parte del gruppo “Semmai Factory”. Partecipa a numerose mostre nazionali ed internazionali.   Marina Sarracino collabora con Marina Iodice , entrambe classe ’85, vivono e lavorano a Napoli dove, nel 2005, hanno fondato un gruppo artistico, aperto e interdisciplinare, dal titolo: “Semmai factory”. Le loro operazioni e produzioni, si collocano in quei momenti dell’esistenza che maggiormente mostrano la crisi della società contemporanea. Obiettivo del gruppo è quello di esplorare i territori della creatività in qualsiasi forma di produzione estetica, avendo recepito la lezione delle avanguardie di un esercizio feriale dell’arte, dando vita ad iniziative mai individuali ma sempre risultato di un processo di relazioni e di confronto continuo, fondato sulla poetica del riciclo, inteso come possibilità di reinvenzione, riutilizzo, ridefinizione, risignificazione.

                 

Rosalba Conte (Italia, Napoli)

Francesco Manes (Italia, Napoli)

Nato nel 1968 a Portici (NA), nel 1989 si diploma presso l’Istituto Statale d’Arte di Torre del Greco.

Dal 1990 al 1995 perfeziona la sua formazione a Napoli, presso il Gabinetto di Restauro del Museo Nazionale di Capodimonte. Nel 1995 inaugura il proprio laboratorio di restauro nella Galleria Umberto I, dedicandosi, prevalentemente, al recupero di tele dei principali maestri del Seicento e Settecento napoletano, come Andrea Vaccaro, Luca Giordano e Francesco Solimena. Allo stesso tempo, rivolge la sua attenzione all’arte contemporanea: è di questo periodo, infatti, il restauro del Monumento ai Caduti, collocato sul Piazzale Tecchio a Napoli, e quello dell’opera di Sol Lewitt, collocata nella stazione della Metropolitana partenopea di Materdei. Nel 2005 esordisce in una prima personale, da cui immediatamente emerge una specifica cifra stilistica – senz’altro debitrice nei confronti dell’esperienza dell’arte informale nella sua valenza gestuale – caratterizzata dall’uso di colori acrilici, rossi, neri, stesi con la spatola metallica su tela o carta.

Dai primi semplici e sottili gesti per mezzo dei quali traccia il colore, attraversando paesaggi pietrificati, con la stesura di ampie e materiche campiture cromatiche, approda alla serie dei Magma, struggenti ed eleganti squarci vulcanici realizzati ad acrilico su tela cartonata, potente ed innovativa soluzione formale.

 

Fabio Cremonese (Italia, Napoli-Berlino) – MADRE TERRA

Fabio Cremonese nasce a Napoli nel 1975. Inizia i suoi studi artistici presso il Liceo Artistico S.S. Apostoli di Napoli e dopo il Diploma di Maturita´ artistica prosegue i suoi studi, presso l ´Accademia di Belle Arti di Napoli sezione Pittura dal maestro Roberto Donatelli .                                   Nel 2006 si trasferisce a Berlino dove si laurea presso la “Universität der Künste “ in arti figurative (Pittura, Scultura a Arti Performative) concludendo i suoi studi con un Anno di Master.

La sua Pittura , Oggetti in argilla smaltata e disegni hanno influenze di tipo espressionistico che rimandano all´espressionismo tedesco contemporaneo del filone di Tal R, Daniel Richter e Robert Lucander , quest´ultimo suo maestro di pittura a Berlino.

Attivo a livello internazionale , ha sviluppato progetti e laboratori artistici con bambini e rifugiati aree arabo/siriana nelle scuole per l´integrazione sociale attraverso il linguaggio diretto e fruibile della sua ricerca artistica . Vive e lavora tra Napoli e Berlino.

                        

Giò di Sera – (Italia, Berlino-Napoli) – Mediterraneo

DJ, radio maker, organizzatore d’eventi e showman. Giò di Sera è un’artista a 360 gradi che vede in Leonardo Da Vinci il suo ispiratore e che ha scelto Berlino come sua città d’adozione dopo essere cresciuto tra i vicoli e le alterne vicende di Napoli. Giò “emigra” in Germania da ventenne, quando Napoli e la Campania sono alle prese con il dopo terremoto e i suoi tentativi di emergere e di sopravvivere all’indifferenza risultano vani. Berlino sembra accoglierlo a braccia aperte e, a cavallo della caduta del muro, riesce a trovare nel quartiere di Kreuzberg quel terreno fertile utile a farlo crescere e ad avere il riscontro che cercava. Ora è uno dei più conosciuti rappresentanti della comunità italiana nella capitale tedesca e si sta imponendo anche per il suo impegno sociale che da sempre lo contraddistingue. Lo stesso che lo ha portato a “creare” il Berlingo, divenuto famoso soprattutto attraverso il tuo programma radiofonico Radio Kanaka International, “un remix di varie lingue europee associate a un certo slang urbano inventato da Don Rispetto (il suo alter ego alla radio e in strada. nda). Un’idea che nasce nel micro/macro cosmo di Kreuzberg e cela l’evidente, forte necessità di ‘intercomunicare’ fuori dagli schemi prestabiliti della comunità internazionale e multiculturale berlinese”. La sua è una lunga carriera che lo vede, all’inizio, alle prese con la poesia e con il microfono di alcune band post-punk, ma capisce presto che l’arte che lo appassiona di più è quella della pittura, a cui si dedica passionalmente dopo il suo arrivo a Berlino. Comincia poi a fondere tra di loro le varie forme di espressione artistica presentandole in decine di mostre e diventando un punto di riferimento nella scena berlinese. Ma quello a cui tiene di più quando lo raggiungiamo telefonicamente nel suo ufficio è di raccontare il suo impegno sociale che lo vede cominciare, subito dopo la caduta del muro, progetti socioculturali come “To stay here is my right posse”, contro il razzismo e il degrado nelle periferie urbane. Ora dopo più di 15 anni l’impegno suo e dei suoi collaboratori sta per essere convogliato in un nuovo progetto; StreetUnivercityBerlin, una sorta di università popolare che vuole mettere i giovani delle comunità più disagiate nella condizione di poter tirar fuori il meglio di se. Un’Università della strada, che attraverso i linguaggi e le subculture in essa presenti vuole guidare i giovani e aiutarli ad emergere. “L’appartenenza alla strada non è una cosa negativa in senso assoluto – ci dice – è importante che questi giovani sappiano farne buon uso. Quello che cerchiamo di dargli è la capacità di sfruttare le proprie potenzialità per creare una sorta di melting pot nella società e per arrivare così a soluzioni pratiche nel quotidiano”. L’obiettivo è quello di far recuperare ai cosiddetti “loser”, che si autoemarginano, il rispetto di se stessi, dandogli coscienza delle proprie possibilità. “Tutto questo – continua Giò – facendogli capire da subito che siamo indipendenti dal sistema in quello che io chiamo un ‘salutare distacco’ dall’assistenzialismo dello stato e delle istituzioni in genere, perché noi non vogliamo che questi giovani rimangano passivi, quanto piuttosto convincerli a tirare fuori la loro parte migliore, da impegnare in un progetto che vuole essere a lungo termine”. La StreetUnivercity sarà una vera e propria scuola con quattro diverse facoltà di cui due obbligatorie: “Società e informazione politica”, perché l’intenzione è quella di avvicinare le subculture all’elite e viceversa, e “Competenze sociali e orientamento al lavoro” per aiutarli ad affrontare gli scogli del mondo del lavoro. I due corsi facoltativi saranno invece dedicati all’arte e ai media e allo sport, all’insegna del motto “mens sana in corpore sano”. L’inizio quest’estate con un “summer camp” con workshop di giornalismo e un primo centro aggregativo per cominciare a isegnare a come crearsi alternative. Da ottobre poi gli inizi dei corsi veri e propri: “per creare un nuova dimensione di aggregazione e d’identificazione e dare ai cosiddetti emarginati nuove possibilità di lavoro e di proprio sviluppo imprenditoriale e per realizzare – conclude Giò – il sogno della mia vita, che riunisce e concretizza le esperienze accumulate durante la mia carriera di artista multimediale e streetworker volontario”.

Emiliano Aiello – (Italia) mediterraneo

Emiliano Aiello nasce a Napoli il 03/5/1971

Consegue il diploma presso il Liceo Artistico di Napoli 88/89

Si laurea in Architettura a pieni voti presso la Facoltà Federico II di Napoli. 14 dicembre 1999

Parallelamente ad una intensa attività di architetto, prevalentemente condotta nella città d’origine, nella quale ama definirsi architetto-operaio, porta avanti una personale ricerca pittorica caratterizzata dall’utilizzo degli stessi materiali da costruzione che impara a conoscere e ad amare nei vari cantieri e che riutilizza nella propria opera pittorica.

A conclusione di ogni lavoro infatti, sia che si tratti del restauro di un fabbricato o di una ristrutturazione di un appartamento, ritiene conclusa la propria esperienza solo quando è riuscito a fermare su una lastra metallica, un cartone, una ferza di guaina, una tavola lignea, una lastra di plexiglass, etc.., le impressioni ricevute dal “fare” quotidianamente il proprio lavoro. E’ così che nascono giorno dopo giorno le singole opere, paesaggi per lo più, magari goduti dopo una estenuante giornata passata su un ponteggio.

Gli anni ’90 vedono al suo esordio la partecipazione a mostre espositive presso varie associazioni culturali napoletane tra cui l’Associazione culturale “081 teatro studio in via S.M. Costantinopoli di Napoli.

Il 1994 espone alcune sue opere insieme ad altri architetti presso l’Ordine degli architetti di Napoli.

Il 2010 è l’anno della svolta; inizia un percorso artistico fatto di mostre personali e vetrine espositive in locali privati, studi privati e negozi d’arte tra Napoli, Roccaraso e Ischia. Inizia cosi un percorso di riconoscimenti da parte di privati e esperti nel mondo artistico che porteranno ad un annata soddisfacente nel 2014 quando arriva il primo importante riconoscimento con la Selezione alla XXXII Edizione del Premio Firenze Europa 2014 per la mostra in Palazzo Bastogi tenutasi dal 13 al 22 gennaio 2015 con l’Opera “Caos Metropolitano”.

Nello stesso anno, il 29 aprile 2015, viene invitato dall’ associazione culturale AnimArtis Cultura, che promuove mostre ed eventi artistici itineranti in tutta Italia, a partecipare ad una mostra espositiva, insieme ad altri artisti, nella serata di gala conclusiva dell’evento “MARZO DONNA… NON SOLO A MARZO” a cura della IV Municipalità del Comune di Napoli, Assessorato “Pari Opportunità” e ”Consulta Pari Opportunità”tenutasi presso Sala del Lazzaretto, Complesso Monumentale di Santa Maria della Pace di Napoli.

Attualmente, sta programmando una personale a cura dell’Associazione Animartis Cultura.

Selezionato per la mostra “Madre: icona, sogno e realtà” con le opere “Conception” e “Nutrimento” organizzata da ExpArt – Studio&Gallery e tenutasi in località Poppi, Arezzo, presso le sale del castello S. Lorenzo dal 22/11/2015 al 22/01/2016

Selezionato dal CONCORSO INTERNAZIONALE 2016 di pittura, disegno, grafica e acquerello VI edizione della Biennale Metropoli di Torino con l’opera “vuoi star zitta perfavore?”. (in itinere)

Giancarlo Marcali FEMMINILE

Sviluppa la sua ricerca artistica in un percorso di ricerca del attimo doloroso. Quanti tipi di dolore lacerano l’essere umano? Infiniti, quanto l’abisso dell’anima. Ma tutti lasciano una traccia del loro passaggio, una cicatrice, visibile o meno. A dispetto delle nostre diversità, Giancarlo ci riunisce tutti in virtù della nostra comune essenza, per la materia di luce di cui siamo composti, ricordandoci che malgrado lunghi percorsi abbiamo un’origine comune e che il dolore di ognuno ha il diritto di essere espresso. E’ un dolore composto che non cerca il momento drammatico. È l’enfasi liberatoria di un uomo non più prigioniero di paure sue e altrui che si apre con fiducia al suo prossimo, mostrando anche le ferite dell’anima. Finalmente, ha imparato che un dolore condiviso viene dimezzato.

STUDI

Diploma di Maturità linguistica presso Istituto Paci, Seregno.

Laboratorio di arti visive presso la Scuola d’arte, Pavia.

Laurea in Arti aborigene e culture delle isole del sud Pacifico presso New South Wales

University, Sidney, Australia.

 

Vania Elettra Tam

stanza  Salone 1 ambiente  / Femminile

Comasca di nascita, milanese di adozione, Vania Elettra Tam è uno dei frutti artistici della Nuova Accademia di Belle Arti di Milano e della scuola di Grafica Pubblicitaria del Castello Sforzesco. L’ironia e la seduzione delle sue sceneggiature si sovrappongono ad una velata critica sociale ma dallo sguardo sempre lieve, divertito e surreale. I rifugi casalinghi, la delicatezza e l’instabilità dei suoi microcosmi quotidiani l’hanno fatta conoscere ed apprezzare in Italia e all’estero, dove ha esposto in città come Praga, Londra, Miami e San Diego e Cuba. Si segnalano in particolare le mostre personali milanesi “Un giorno di ordinaria pulizia” a cura di Igor Zanti e “Cronaca Rosa” a cura di Alessandra Redaelli. Fra le collettive: “Un’altra storia” in San Carpoforo a Milano a cura di Edoardo di Mauro; “Aquisizioni” al Museo Parisi Valle di Maccagno a cura di Claudio Rizzi; la 54° Biennale di Venezia – Padiglione Italia Regione Lombardia a Palazzo Te di Mantova e a Palazzo dei Congressi – Sala Nervi a Torino a cura di Vittorio Sgarbi. “Coexist – Eight different kind of fantastic art” a Lecce curata da Ivan Quaroni; “Iside Contemporanea” a cura di Ferdinando Creta al Museo Arcos di Benevento; “Plurale Femminile” a cura di Alessandra Redaelli a Piacenza e Milano; “Aliens – Le forme alienanti del contemporaneo” organizzata da Frattura Scomposta Art Magazine a Venezia, Milano, Bologna, Como, Lecce e Ferrara.

Como birth, Milanese by adoption, Vania Elettra Tam is one of the artistic fruits of the New Academy of Fine Arts in Milan and the School of Graphics of the Castello Sforzesco Advertising. The irony and the seduction of his screenplays overlap with a veiled social criticism but from the always mild gaze, amused and surreal. Homemade shelters, the delicacy and the instability of its microcosms newspapers have made known and appreciated in Italy and abroad, where he has exhibited in cities such as Prague, London, Miami and San Diego and Cuba. Of particular note the Milan solo exhibitions “a Time cleansing” by Igor Zanti and “Chronicle Rose” by Alessandra Redaelli. Among the collective: “Another story” in San Carpoforo in Milan curated by Edward Mauro; “Acquisitions” at the Museum Parisi Valle Maccagno by Claudio Rizzi; 54th Venice Biennale – Pavilion Italy Lombardy region at Palazzo Te in Mantua and at Palazzo dei Congressi – Nervi Hall in Turin by Vittorio Sgarbi. “Coexist – Eight different kind of fantastic art” in Lecce curated by Ivan Quaroni; “Isis Contemporary” by Ferdinand Crete to Arcos Museum of Benevento; “Female Plural” by Alessandra Redaelli in Piacenza and Milan; “Aliens – The alienating forms of contemporary” organized by Fracture scomposta Art Magazine in Venice, Milan, Bologna, Como, Lecce and Ferrara.

                         

 

Meri Tancredi  – FEMMINILE

La scultura è ottenuta sovrapponendo lastre di plexiglas sulle quali è inciso il testo del Carmen lustrale, preghiera a Marte che veniva recitata per ottenere protezione e purificazione. La sovrapposizione dà all’osservatore l’idea di una ripetizione infinita e gli nega la possibilità di rintracciarne logica temporale e ordine. Così, il risultato estetico dell’opera propone un viaggio e uno smarrimento, la ricerca di un senso logico e una riflessione su se stessi e il proprio tempo. Ad essere protagonista è il tempo: il tempo antico e quello andato, il tempo presente e quello perso. I tempi difficili e la primavera sacra, sacrificio e rinascita, della quale forse è tempo e ora.

 

Fiamma Zagara –  sculture MEDITERRANEO/MADRE TERRA

Salone Loggiato

 

Nata a Napoli, dopo aver vissuto in più città tra cui Venezia, Firenze e in Sicilia, vive e lavora a Roma. Dal 2000, lasciato l’insegnamento di Lettere e Filosofia, si è totalmente impegnata nel campo dell’ arte, affrontando esperienze diverse che spaziano dal disegno alla scultura. Al di fuori di una classificazione prestabilita, la sua forza creativa e riflessiva le consente, attraverso la continua ricerca e un percorso originale, di proporre una forma d’arte in costante evoluzione. Utilizzando legno, vetri, lava, pietre dure e manipolando lamine di alluminio, filamenti, juta, viscosa o polietilene, realizza opere a più piani. L’uso sempre più accentuato del polietilene che, attraverso il riscaldamento assume forme complesse e armoniche al tempo stesso, crea svariate suggestioni e trova le sue radici nell’arte italiana ed internazionale del ‘900.  I forti colori primordiali e la materia sconvolta generano nuovi dialoghi ed esprimono la sensibilità dell’artista verso svariati temi della complessa società contemporanea. Dal 2008 suoi lavori sono stati esposti in gallerie prestigiose e in sedi istituzionali in Italia e all’estero. Per la Biennale di Venezia del 2011 ha esposto a Roma a Palazzo Venezia. Nel 2013 ha presentato la personale “ Contaminazioni Dionisiache “ a Palermo presso il Palazzo dei Normanni. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti tra cui, a Roma, in Campidoglio, il “ Premio Personalità Europee 2008 per l’ Arte “ , nel 2010 la Medaglia della Presidenza della Repubblica, nel 2011, al Circolo della Stampa di Milano il “ Premio delle Arti e della Cultura “ , nel 2013 a Milano la Menzione d’ onore del “ Premio Internazionale Baronessa Soares “.

      

Beatrice Feo Filangieri e il Pop Barocco – Salone sinistro FEMMINILE

Beatrice Feo Filangeri nasce da nobile famiglia materna, il padre avvocato civilista, noto e amatissimo in città, dell’ alta borghesia, industriali del ferro i Feo in Sicilia, conosciutissimi e in passato grandi industriali tessili del cotone, il padre Franz è avvocato, il nonno paterno Ammiraglio nella Marina Militare, decorato con croce d’oro al merito di guerra, i nonni materni nobili che hanno fatto la storia della Sicilia, e poi tutti notai, avvocati, giuristi, o personaggi di spicco nella medicina, oncologi, professori, proprietari di Cliniche prestigiose nell’isola, una famiglia conosciutissima a Palermo, e da sempre immersa nella storia della nobiltà materna, nella raffinata bellezza, di case-museo, piene di opere d’arte come Rubens, Pietro Novelli, Canaletto, Catti, Lo Jacono ….La cultura dell’antico e l’eleganza del contemporaneo, la travolgono e l’appassionano, e nonostante si voglia fare di lei un notaio o un avvocato, Beatrice tentenna tra la carriera del medico e quella dell’arte.

L’ispirazione artistica prevarrà ,il suo animo irrequieto si è da sempre ribellato a regole, imposizioni e stereotipi della famiglia, che inizialmente non accetterà le sue scelte artistiche…Studierà con estremo rigore nelle scuole ed Accademie d’Arte in Italia e all’estero a Salisburgo. Laureandosi con il massimo dei voti (110 e lode) e con tutte le onorificenze che si fanno ad una fuoriclasse come lei… Cosi’ come Beatrice inizia prestissimo la carriera artistica, a Milano la sua personale in via dei Fiori Chiari quartiere artistico di grande importanza a soli 18 anni, di lei scriveranno tutti i più grandi artisti e critici d’arte come un fenomeno, lei ama circondarsi ed accattivare le simpatie di personaggi famosi di artisti importantissimi della storia dell’arte come Gianni Dova o come l’amicizia con Ugo Nespolo, Salvatore Provino (suo maestro in accademia a Palermo) o Vittorio Sgarbi, Philippe Daverio, Paolo Levi, e tantissimi altri artisti italiani ed internazionali, molti dello spettacolo, della musica, del teatro, della televisione e della cultura…Artisti in grado di arricchire il suo bagaglio già ricchissimo. Si specializza in semiotica ( lo studio del significato dei simboli, della comunicazione e delle antiche scritture) Parteciperà ad una Biennale di Venezia all’Arsenale Novissimo ,e a tantissime esposizioni in tutto il mondo…tutte di grande importanza…E’ anche un’apprezzatissima e ricercata art director e organizzatrice di selezionati eventi d’arte e cultura, è stata ed è da anni Art director di Palazzo Resuttano eventi a Palermo.

Francesca De Martino (Napoli – Italia) pittura FEMMINILE

Francesca Di Martino, nata nel 1977, laureata in Arti Visive e Discipline dello Spettacolo, indirizzo Pittura, all’Accademia di Belle Arti di Napoli, dal 1999 partecipa a collettive d’arte contemporanea, concorsi, esposizioni personali, e performances pittorico – teatrali, nelle quali esprime a pieno la propria natura poliedrica, confermando il proprio interesse per il volto e l’animo umano. “Costruisce ritratti con la violenta oggettività del suo segno, della sua pennellata rielaborata, fatta di colore impulsivo e dinamico, la gamma di emozioni e di persistenze della memoria che contraddicono la precarietà dell’effimero dell’immagine fisica e temporale e le trame degli equivoci esistenziali del destino, del proprio e dell’altrui”. (Silvano Saccone)

Francesca Di Martino, born in 1977, graduated in 2005 in Visual and Performing Arts at the Academy of Fine Arts in Naples. Since 1999, she has joined groups of collective contemporary art and has worked on contests, personal exhibition and theater performances in which she expresses its full multifaceted nature, confirming her interest in representing the human face and soul. “She builds portraits with the violent objectivity of her sign, with a reworked brushstroke, made of impulsive and dynamic color. In this way, her artworks live by the range of emotions and the persistences of memory and her sign contradicts the precariousness of the physical image and  of the plots as well as the existential misunderstandings of the human destiny “.

 

Sonia Giambrone (Italia) MADRE TERRA

Studia all’Istituto d’Arte di Palermo e si laurea a Viterbo in “Conservazione dei Beni Culturali”. Prosegue la sua formazione partecipando a molti workshop di fumetto, illustrazione e serigrafia e prendendo parte a residenze-laboratori in Tunisia e in Francia.

La sua ricerca muove dall’astrazione con i dipinti su tela e su carta e prosegue con gli Intarsi -superfici di alluminio, moquette, feltro o carta traforate con bisturi o forbici- i quali assumono l’immaterialità a tarsia commessa. Nei lavori di gran formato, un complesso gioco di pieni e vuoti si dipana nello spazio circostante coinvolgendo lo spettatore in un dialogo attivo. Lo spazio appare come un filtro attraverso cui scorrono altre immagini: una sovrapposizione di tempo finito e infinito, realtà e astrazione, vita e opera. Le forme che traduce in pittura, intarsi e sculture, sono l’estensione di una dimensione mentale ed espressionista, la cui matrice si può individuare nei suoi primi lavori figurativi.

La necessità di penetrare lo spazio si riscontra anche nella sua produzione grafica in cui il disegno si fa protagonista di un atteggiamento prensile nei riguardi della realtà circostante. I suoi disegni, sempre più spesso sequenze d’immagini, ritraggono derive cittadine, microstorie accadute nel tempo di una passeggiata o nell’immobile silenzio degli oggetti all’interno di una casa: <<Attorno a grumi di realtà, mani-scarpe-libri-lampioni-elementi topografici, ricostruisce un’interzona abitabile.>> (Antonio Rocca).

Attualmente è nel collettivo di STUDIOVAGANTE, laboratorio di grafica e illustrazione.

Vive e lavora a Viterbo nella sua casa studio.

 

 

Nicca Iovinella (Italia) – MADRE TERRA

 

Alessandro Graziani (Italia) femminile – mediterraneo

Nato a Napoli, formatosi a Milano, vive tra il Brasile e l’Italia.

Ha maturato le sue esperienze creative nel mondo della moda, dove ha lavorato come stilista per più di vent’anni per aziende e griffes nazionali ed internazionali, come Ferrè, Balesta, Cardin, Kiton, Harmont & Blaine e molte altre. Non si può parlare di Alessandro Graziani scindendo il lavoro dall’esperienza di vita personale e professionale dall’artista, viaggiatore instancabile. Un’esistenza che lo ha portato a coltivare studi e ricerche che spaziano dalle differenti culture incontrate nei suoi viaggi  alle origini delle scritture e del linguaggio, dalle religioni alle logiche e alle strategie della grande industria. Alla radice di queste ricerche c’è sempre stato l’interesse e la curiosità verso i comportamenti umani. Il suo bisogno naturale di liberare la sua creatività, unita a una sperimentazione costante, lo hanno portato ad incontrare i linguaggi dell’arte contemporanea individuando in essi uno strumento adeguato per comunicare i frutti delle esperienze maturate. In tal senso si è avvicinato all’impiego della realtà virtuale, mescolandola a tecniche tradizionali come il disegno classico, la pittura e la fotografia.

Nelle sue opere fa rivivere personaggi del passato decontestualizzandoli e calandoli nella realtà contemporanea perfettamente a loro agio, sia per il look attuale, sia per le modalità comportamentali.      Graziani fonde le culture e le arti occidentali, orientali, mediorientali, africane, sud e mesoamericane recuperando e fondendo anche le relative filosofie e religioni.
 In un mondo definitivamente multietnico e multiculturale viene naturale il superamento delle differenze.
 I personaggi e le icone delle varie tradizioni antiche e moderne vengono traslati nello spazio e nel tempo e quindi riproposti come viventi nel presente in vere e proprie metafore figurative, rappresentanti momenti della vita o concetti filosofici che non hanno collocazione nel tempo e nello spazio.

 

Fabio Abbreccia (Italia) femminile

Laloba (renata Petti e Anna Crescenti) (Italia) – femminile

 (Vittoria) Vicky Salabelle (Italia) femminile

Napoli, Italy (1987)

Currently living in Eindhoven, The Netherlands

In the prevailing digital climate I consider myself an image-maker moved by nostalgia.

My work is based on aesthetics, often influenced by the poetic of chance.

(…)Vicky Salabelle is an artist. With her whole heart and soul. Born in beautiful Naples, she now lives in Eindhoven in the Netherlands. She describes her own style as „image-making moved by nostalgia“. Hands a expressive shapers of creative thoughts are her preferred object, her collages make something like an own personality out of them, one that talks to the beholder, touch him and ultimately move him.

muxmäuschenwild MAGAZINE

(…) Her work explores the role of the image in the Digital Era.

In opposition to the common current tendency to mediate through digital devices and, as conclusion to her studies in Information Design, Salabelle concentrates on the representation of the image as close as possible to reality, without alterations. She uses images, photographies to manually compose collages with a strong nostalgic and delicate personality. In her artistic production she has two fetish/constants: the use of the scanner, which she uses as a recording instrument, and the hands, as extension of the creative thought. The hand, with a strong aesthetic value, is her first instrument for research, cognitive element and lastly visual portrayal. Among all empirical senses, she gives priority to touch: to touch matter to be able to know it. The scanner, instead, is the only electronic artifice able to record the object in its integrity, which allows a real contact with it, and doesn’t allow the doubt of manipulation. Her works have the necessity to preserve their manual matrix towards this computerized and digitalized society.

 

sezione film Video arte____________________________________

a cura di Gianni Nappa

Alessandra Cianelli – performance e video art

www.alessandracianelli.com – https://ilpaesedelleterredoltremare.wordpress.com/ cianellialessandra@gmail.com

  

 

 

Larissa Sansour

Born in Jerusalem, Sansour studied Fine Art in Copenhagen, London and New York. Her work is interdisciplinary, immersed in the current political dialogue and utilises video, photography, installation and sculpture. Recent solo exhibitions include New Art Exchange in Nottingham, Turku Art Museum in Finland, Wolverhampton Art Gallery, Photographic Center in Copenhagen, Kulturhuset in Stockholm, Lawrie Shabibi in Dubai, Sabrina Amrani in Madrid and DEPO in Istanbul.

Sansour’s work has featured in the biennials of Istanbul, Busan and Liverpool. She has exhibited at venues such as Tate Modern, London; Centre Pompidou, Paris; LOOP, Seoul; Al Hoash, Jerusalem; Queen Sofia Museum, Madrid; Centre for Photography, Sydney; Cornerhouse, Manchester; Townhouse, Cairo; Maraya Arts Centre, Sharjah, UAE; Empty Quarter, Dubai; Galerie Nationale de Jeu de Paume, Paris; Iniva, London; Institut du Monde Arabe, Paris; Third Guangzhou Triennial, Guangzhou , China; Louisiana Museum of Contemporary Art, Denmark; House of World Cultures, Berlin, and MOCA, Hiroshima.

Sansour is represented by Lawrie Shabibi in Dubai, Sabrina Amrani in Madrid and Montoro12 Contemporary Art in Rome. She lives and works in London.

Filomena Rusciano /Caterina Squillacciotti / Fabrizia Olimpia Ranelletti

Giovanna D’Amico / Francesca Fini / Manuela Maroli

remerda – sezione video art – con Perpetuum Immobile 1,58 min  e BrulicanZ 1,32 min

Nicola Fornoni / Anna Raimondo – Napoli / Bruxelles – Sound and video –

NEL DUBBIO.mov 15 min – Come un pesce fuor d’acqua, 2016 9,05 min.

Giovanna Lacedra / Tiziana Salvati / Mauro Rescigno – Mediterraneo

Raffele De Martino – sperimentale / Lello Masucci – poesia elettronica

Lucio Lo Gatto e Giuseppe Zevola – sperimentazione

 

 

 

 

 

a cura di Gianni Nappa / Celeste Ianniciello / Ulderico

Festival Performers

Artiste invitate

Park Kyeong Hwa (Corea del Sud)

Giovanna Lacedra (Italia)

Nasce nel 1977 a Venosa (PZ). Nel 2000 consegue il diploma di laurea in pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Firenze. Nel 2004 consegue l’abilitazione all’insegnamento presso l’Università di Pisa. Si trasferisce poi a Milano, dove attualmente vive e lavora come docente di storia dell’arte e disegno presso un liceo scientifico statale, artista visiva, performer e autrice. Come performer si è esibita sia in progetti di altri artisti, quali: “La bara del Bastardo” di Daniele Alonge – 2011; “Yummy Good!” di Manuela De Merito – 2011, che in propri

Dal 2011 al 2015 ha portato in scena, con un tour itinerante che ha toccato ben 14 tappe in gallerie, musei e spazi espositivi italiani e in città come Milano, Sassuolo, Cesena, Pescara, Lecce, Napoli, etc… la Performance Confessional “Io Sottraggo. La Triangolazione Cibo-Corpo-Peso”, un progetto riguardante la patologia anoressico-bulimica, da lei ideata, scritta e interpretata. A Milano la performance è stata portata in scena anche presso il Museo della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” in occasione della fiera d’arte contemporanea Step09 Art Fair, nel novembre 2011, a Venezia è andata in scena il 9 maggio 2015, in concomitanza con l’apertura della 56 Biennale Internazionale di Arte Contemporanea, e ha fatto parte della V Biennale d’arte di Anzio e Nettuno. La performance è stata introdotta nelle tesi di laurea di alcune studentesse del Dams e della Facoltà di Beni Culturali, per gentile concessione dell’artista. Inoltre, la scuola di Giornalismo “Walter Tobagi” dell’Università Statale di Milano ha realizzato una video-intervista in occasione di Expo2015, pubblicata sulla piattaforma ExpoStories.

Nel settembre 2013 nasce la performance “L’Aspirante”, un nuovo progetto che affronta il tema della prevaricazione e della violenza di genere, intellettuale e psicologica, prima che fisica, sbocciato dalla rilettura dell’omonima poesia di Sylvia Plath e dei suoi Diari. Ideata, scritta e interpretata da Giovanna Lacedra e Roberto Milani, la performance è andata in scena tra il 2013 e il 2015 presso le seguenti location: galleria d’Arte Amy-D di Milano, fiera d’arte ArtVerona, per CUNTemporary Art|Feminism|Queer di Londra, Galleria Comunale Ex Pescheria di Cesena, con Patrocinio del Comune e dell’Assessorato Politiche delle Differenze Casa Museo di Ludovico Ariosto a Ferrara, Chiostro di Voltorre a Gavirate (Varese) per la mostra “la neve non ha voce” a cura di Alessandra Redaelli.

Nel maggio 2014 a partire dall’omonima poesia di Vittorio Varano, scrive e porta in scena la performance “Come il mare in un Bicchiere”, con la partecipazione performativa di Irene Lucia Vanelli. La performance viene realizzata tra il 2014 e il 2015 presso: 77Art Gallery di Milano, MAG – Marsiglione Art Gallery di Como, “CORPO | Festival di Arti Performative” di Pescara, V Edizione a cura di Ivan D’Alberto e Sibilla Panerai. Nel giugno 2014 ha portato scritto e portato in scena, prima presso la Casa Museo di Ludovico Ariosto a Ferrara e poi presso l’ArtFarm Pilastro di Bonavigo (Verona), una performance articolata sui versi dell’ultima poesia di Sylvia Plath e su un percorso di 100 acquerelli che la ritraggono come innumerevoli sindoni-tracce, titolata “EDGE | Ultimo Ritr-Atto”.

Nell’autunno 2014 scrive e porta in scena una performance sull’infanzia abusata, liberamente ispirata al libro “I quaderni delle bambine” della psicologa Maria Rita Parsi. La performance si intitola NONSONOMAISTATAUNABAMBINA. Si esibiscono con lei il fotografo e attore Massimo Festi e la piccola Giulia Fumagalli. I monologhi sono di Giovanna Lacedra, le musiche di Larva Casei. Le tappe sono due: Palazzo Pirola, Gorgonzola (MI) e Galleria Biffi Arte di Piacenza. Entrambi gli eventi fanno parte della rassegna “Femminile Plurale” a cura di Alessandra Redaelli.

NONSONOMAISTATAUNABAMBINA viene rivisitata in chiave “assolo” nel febbraio 2016 e pertata in scena in tale versione presso lo spazio espositivo InStudio di Marcello Gobbi a Brescia il 27 febbraio, in occasione della mostra “Umbra et Imago” di Roberto Messina.

EMOTIONAL REVOLUTION [LE MANI IN PASTA AL CUORE] è invece una performance scevra di parole, in cui l’azione diventa rovesciamento del vuoto in nutrimento, una rivoluzione emozionale in cui dalle briciole si risorge. Viene portata in scena per la prima volta il 19 marzo 2016, presso Con-Temporary Art Circle, studio di Saba Najafi a Milano, per Studi Festival 2016. In seconda tappa, 25 giugno 2016, presso il festival “LA VOCE DEL CORPO” IV edizione – Osnago (Lecco).

FEELING-CAGE, performance portata in  scena per la prima volta il 12 aprile 2016  a Parma, presso Alphacentauri in occasione della rassegna “Follow The Banana” tratta il tema della perdita di se stessi all’interno di una gabbia annichilente e azzerante. Seconda tappa, 14 maggio 2016,  “ART ACTION” Festival Internazionale di poetiche performative – Musei Civici di Monza.

Ha partecipato a progetti fotografici di Massimo Prizzon, Pablo Peron, Christian Zucconi, Marco Chiurato, Franco Donaggio, Massimo Festi.

PARADEIGMA, ultima performance progettata per la Galleria Punto Sull’Arte di Varese. Realizzata nella stessa il 22 Ottobre 2016; al violino: Chiara Giovagnoli.

Ha scritto testi critici per artisti come: Elisa Anfuso, Anna Caruso, Paola Mineo, Urban Solid, Daniele Duò, Pep Marchegiani, Alessio Bolognesi, Alessandro Carnevale.

Attualmente è autrice per Wall Street International Magazine, sezione Arte e cura un proprio Blog, titolato Ellepourart e dedicato esclusivamente all’arte fatta dalle donne, includendovi artiste giovani o storicizzate, pittrici, scultrici, fotografe, performer, poetesse…

Video Performance: https://vimeo.com/user22561378/videos

EllePourArt Blog: http://ellepourart.wordpress.com/ 

“www.iosottraggo.it”         

              

Salvatore Donatiello – Italia

 

Paola Daniele – Italia

Ginny Sykes (USA) e Teresa Mangiacapra – Usa-Italia

Cristina Messere – Napoli – parola

Giovanna D’Amico

BIOGRAFIA

D’Amico Giovanna, nasce a Caserta il 22 Luglio del’82 intraprende studi artistici presso l’Istituto Statale D’arte di San Leucio (CE), In seguito si trasferisce a Napoli, studia presso l’Accademia di belle arti di Napoli , presentando la sua prima azione performativa “Inside out my soul” come tesi con la quale raggiunge il massimo dei voti, conclude gli studi accademici conseguendo il biennio di specializzazione in scultura anche qui conclude il percorso, con il massimo dei voti presentando una nuova performance “Rinascita”, relatrice della tesi Aurora Spinosa. L’artista espone per la prima volta nel 2003 presentando alla collettività, in collaborazione con il gruppo Zoone e le politiche sociali, opere pittoriche e scultoree dalla forte presenza materica, per anni la D’Amico lavora con sabbia gesso e assemblando materiali mescolando la pittura alla scultura. Nel 2007 si avvicina alle azioni performative, non allontanandosi dalla materia, fa ricerche presso la Fondazione Morra di Napoli, realizza una serie di azioni che presenterà nei vari eventi a cui sarà invitata. Il corpo e il gesto divengono mezzo fondamentali di trasmissione e azione di denuncia sociale, La D’Amico affronta l’arte nelle sue mille sfaccettature, sperimenta con materiali poveri, installa creando mondi alternativi o metaforizzando la realtà. L’artista oggi è attiva sul territorio nazionale e all’estero. Attualmente è docente a Parma.

 

Monica Marioni MOMA – (Italia)

Monica Marioni nasce a Conegliano Veneto (TV) nel 1972, ma si trasferisce giovanissima nel vicentino dove tuttora vive alcuni mesi all’anno. Nel suo percorso formativo si riveleranno fondamentali la laurea in scienze statistiche e gli anni passati all’interno di un grande gruppo industriale, insieme all’esperienza dell’istituto d’arte. Nutre un forte legame con i materiali e questo si traduce nella densa matericita’ delle opere astratte prima, via via più figurative in seguito. Marioni considera i diversi media artistici come pennelli diversi, ognuno adatto a veicolare ora una sfumatura, ora un’altra.

Monica Marioni fa dell’arte una professione a seguito di un fondamentale incontro con Antonina Zaru, gallerista, mecenate, già amica e complice di artisti di fama internazionale come come Nam June Paik, Luca Pignatelli, Giovanni Frangi, Velasco, Salvatore Garau. E’ lei a riconoscere il potenziale di Monica, spingendola a muovere i primi passi partendo da Napoli, con una prima collettiva. La collaborazione pluriennale culmina con l’invito a realizzare un’opera monumentale nell’ambito di un evento collaterale alla 53esima Biennale d’Arte di Venezia: nasce “Ego”, installazione e videoarte unite in un unico lavoro. Approda quindi alla “pittura digitale” pienamente espressa nel progetto “Ninfe”, presentato a Vicenza per iniziativa della Fondazione Vignato per l’Arte, e in “IO SONO”, allestito a Milano presso Fondazione Stelline. Il 2015 inaugura una nuova stagione di installazioni e opere performative, nell’ambito del progetto FAME! presentato a Milano e PAN|Palazzo delle Arti di Napoli. Vive e lavora a Milano.

 

 

Giornata performativa per la “Pace globale” 23 luglio

per una performance di pace delle spiritualità a cura di Gianni Nappa Giornata performativa per la “Pace globale” 23 luglio

 

Sachjot KaurNotturno Antonella (Italia)

Campane e gong tibetani

l suono dell’anima con Sachjot Kaur. Bagno armonico con Gong e campane tibetane. Il Gong è lo strumento principe nella creazione di suoni terapeutici, uno dei più antichi creati dall’uomo, usato da migliaia d’anni, inizialmente veniva utilizzato dagli sciamani per i loro viaggi e direttamente per le guarigioni. Si parla di “Bagno”, perché si ha la sensazione di essere immersi in un’oceano vibrazionale di suoni che danno benessere e pace.

Durante un Bagno di Gong, per effetto del Principio di Risonanza, si armonizza e ripristina la naturale frequenza degli organi interni del corpo umano. Vengono infatti stimolati e riattivati i tutti centri energetici sottili che sono ad essi collegati mantendoli in vita. La prima sensazione che si prova è calma, espansione e benessere profondo. Grazie ad alcune particolari frequenze si stimola l’integrazione emisferica e la produzione di onde cerebrali alfa, theta che permettono di accedere a livelli mentali profondi e attivano processi di auto-guarigione.

Il suono del Gong diventa onda portatrice di coscienza portando con se informazioni energetiche rigeneranti e sincronizzanti per l’intero corpo-mente. Inducendo ad uno stato meditativo profondo possono emergere intuizioni e nuove soluzioni creative. Vengono inoltre sciolti blocchi energetici e tensioni grazie all’ influsso di “suoni vivi”. Si ha un massaggio molto profondo, a livello cellulare, con conseguente armonizzazione del sistema endocrino e immunitario.

lo riceverai comodamente distesa su un morbido tappetino… se vuoi porta con te una coperta.

 

Gino Sansone (Italia) Agnese Viviana Perrella (Italia)

Gino Sansone (Ramanuja acharya dass), insegnante diplomato di The Yoga Vedanta Forest Academy, India; fondatore e coordinatore della Scuola di Yoga Integrale in Italia dal 1986; maestro di meditazione della Sri Vaisnava, docente dell’Accademia Italiana Operatori del Benessere; esperto di alimentazione naturale (ayurvedica, macrobiotica, mediterranea), bio-chef vegetariano dal 1982.

performance: semi in azione

 “Laboratorio di Teatro Yogico Sciamanico” e “Il Corpo Creativo” presentano “Semi-In-Azione-Se il seme non muore, non dà frutto”, dagli “Inni Orfici” di Orpheo, regia e installazione scenografica Gino Sansone, coreografie di Agnese Viviana Perrella. In scena Agnese Viviana Perrella e Gino Sansone, suoni dal vivo Gino Sansone, luci Dino Farese, foto di scena Paolo Vitale. Dopo incerto sonno invernale trascorso con inconsuete caratteristiche climatiche, il rito di rinascita della Natura con cui si aprirà la stagione primaverile vuol essere inteso ancor più propiziamente, in previsione di una stagione fertile e riccamente fiorita, grazie alla danza di Agnese Perrella e l’eco profonda del tamburo sciamanico di Gino Sansone. Fiori e frutti ne seguiranno e maggiore sarà l’unione delle energie concertanti, migliore la prospettiva e la maturazione, quale provvido risultato dei Semi-In-Azione. Con molto amore e perseveranza il Teatro Yogico-Sciamanico e il Corpo Creativo invitano a partecipare all’evento propiziatorio, secondo atto scenico sulla ruota dell’anno, preposto per il bene dell’umanità tutta. Nel corso di questo secondo atto rituale, si agirà in sincronia con il gioco degli equinozi, per rivolgere in tutte le direzioni, il germoglio di un pensiero amorevole dedicato a tutti gli esseri viventi, con l’auspicio e la certezza che un atteggiamento pacifico possa essere di beneficio e d’aiuto per migliorare le vaghe e inquiete sorti dell’umanità.

Agnese Viviana Perrella

Nata a Napoli nel 1984. Vive e lavora in Italia e in Francia.

Laureata in Architettura e diplomata in danza contemporanea, principalmente tecnica Cunningham e release, approfondisce la sua ricerca attraverso tecniche di improvvisazione e composizione coreografica. Segue numerosi seminari in particolare con Masaki Iwana, Raffaella Giordano, Teatro Valdoca, Teri Weikel e molti altri. Sperimenta  nuovi linguaggi fotografia/architettura/teatro/danza  per i suoi lavori di ricerca e creazione.  Attualmente lavora per la regia di R.De Simone nella Turandot come figurante presso il Teatro San Carlo di Napoli. Recentemente ha lavorato con l’Associazione Cantine1901 di Marsiglia per spettacolo di teatro danza sulle favole de Lo Cunto de li cunti di G.Basile. Dal 2008 danza per numerose coreografie di Gabriella Stazio, Sonia di Gennaro, Anna Redi e altri partecipando a importanti festival in Italia e all’estero.

 

Fabio Biodpi Della Ratta & Sanyang (Italia – Africa) Street art

Sanyang è il nome del mio villaggio, è il nome della mia famiglia, Sanyang è il mio nome. Lis veniva da lontano, l’ho presa per mano per farle conoscere il mio mondo, era il mio dovere, era un lavoro, grazie a Dio ho conosciuto l’amore. Una coppia è una pianta di cui prendersi cura.                                Correre è camminare sapendo che non hai tempo per riposare, correre è una prova di forza che si vince senza contare i secondi. Ho attraversato il Senegal, il Mali, il Burkina Faso, il Niger e poi la Libia, per avvicinarmi a lei.                                                                                                                                 Quella notte avevo lo sguardo perso, immaginavo Lis, non mi accorsi delle stelle, né del mare, dei pianti dei bambini, dell’odore di vomito, del freddo e dell’alba. Dovevo mettere piede a terra e lo misi a Lampedusa. Ringrazio l’Italia che mi ha accolto e Dio che mi ha salvato dal mare.          Cinque volte venne a trovarmi, mi sembrava di avere tutto vedendo il suo sorriso sempre più bello. Passavo da un Centro di accoglienza all’altro.  Lis e tanti bambini, sei mesi in Gemania, sei mesi in Gambia, questo era il mio desiderio. Una storia d’amore, un amore pulito, non landestino.  La mia famiglia non aveva mai chiesto un mio certificato di nascita e questo per chi non è cresciuto in un villaggio suona molto strano. Nel mio villaggio, il villaggio di Sanyang, tante persone hanno lo stesso nome e questo può creare confusione in un Paese dove in pochi si chiamano Berlino o Roma o Bruxelles.

Un fiore cresce, cresce anche sul cemento, si apre, ma poi soffre, senza sole, senza acqua. Lei aveva lasciato il suo lavoro, per venire a vivere con me, per seguire i nostri progetti, ma così, senza sapere quando accadranno le cose, chiusi in un sistema fatto di carte e di denaro, ci sentiamo precari. Fiori precari. Fiamme che diventano fioche. Ancora otto mesi, vivo nell’ennesimo Centro d’accoglienza, mi dispiace, per alcuni potrei sembrare un problema, per altri semplicemente un immigrato. Sono un innamorato a cui i confini cercano di negare il diritto di amare. Lis è il mio unico amore.

Fergal Kavanagh (Irlanda del sud – Italia)

Tune into English – karaoke corus per la pace

 

 

                                

 

 

 

 

Giornata della pace globale

Sachjot KaurNotturno Antonella

Campane e gong tibetani

per una performance di pace delle spiritualità a cura di Gianni Nappa

 Gino Sansone & Agnese Viviana Perrella

 Rita Esposito & Ina Ripari

Fabio Biodpi Della Ratta

Loredana Iafrate